Semplice eleganza

MALATTIA DIVERTICOLARE E FIBRA ALIMENTARE

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

copertina_diverticoli

 

TITOLO: MALATTIA DIVERTICOLARE E FIBRA ALIMENTARE

AUTORI: Martina Cesa, Bruno Tirillini

EDIZIONI: Edizioni Scientifiche Still

GENERE: medicina - salute - benessere

LINGUA: Italiano

PAGINE: 82

PUBBLICAZIONE: Giugno 2018

FORMATO: Elettronico PDF

VALORE: 30,00 17,00

ISBN: 978-88-98921-04-1

 

 

 

 

 

 

 

ABSTRACT

 

II termine “malattia diverticolare” comprende la definizione di diverticolosi e diverticolite, entrambe caratterizzate da numerose estroflessioni sacculari del colon.
La malattia diverticolare, in genere nella forma di diverticolosi non complicata, è abbastanza frequente nelle società occidentali.
La formazione di ernie note come diverticoli interessa le popolazioni che vivono nei Paesi maggiormente industrializzati e questo ha portato all'introduzione della parola westernization per indicare lo stile di vita dei Paesi occidentali, soprattutto per quanto riguarda l'alimentazione.
È stato evidenziato che la patologia è diffusa soprattutto in Europa e negli Stati Uniti e che rappresenta la quinta patologia gastrointestinale in termini di costi diretti e indiretti.

 

 

INDICE
CAPITOLO 1: MALATTIA DIVERTICOLARE   
L’INTESTINO CRASSO   
LA NASCITA DEI DIVERTICOLI: TRE IPOTESI OGGI CONSIDERATE   
Anomalie strutturali   
Anomalie della motilità intestinale   
Gli altri possibili fattori di rischio   
CLASSIFICAZIONE DELLE DIVERSE FORME DELLA MALATTIA DIVERTICOLARE   
I SINTOMI DELLA MALATTIA DIVERTICOLARE   
I sintomi della SUDD (malattia diverticolare sintomatica non complicata)   
I sintomi della diverticolite acuta   
LA DIVERTICOLITE   
DIAGNOSI  E CURA DELLA MALATTIA DIVERTICOLARE   
CAPITOLO 2: LA FIBRA ALIMENTARE   
I METODI PER ESTRARRE LA FIBRA ALIMENTARE   
Estrazione della fibra secondo il metodo Weende   
Estrazione della fibra secondo il metodo di Van Soest   
LA FIBRA SOLUBILE   
L'amido resistente (Resistant Starch, RS)   
Le inuline   
Le pectine   
Le gomme (o gomme essudate)   
I β-glucani   
Le mucillagini   
LA FIBRA INSOLUBILE   
La cellulosa   
L'emicellulosa   
Lignina   
CLASSIFICAZIONE DELLA FIBRA ALIMENTARE IN BASE ALLA LUNGHEZZA DELLE CATENE DELLE MOLECOLE E AL SUO UTILIZZO DA PARTE DELLA FLORA INTESTINALE   
DOVE POSSIAMO TROVARE LA FIBRA ALIMENTARE   
I RUOLI POSITIVI E NEGATIVI DELLA FIBRA ALIMENTARE NELL’ALIMENTAZIONE UMANA   
Quanta fibra introdurre?   
Effetti sulla riduzione del colesterolo (prevenzione delle patologie cardiovascolari)   
Azione lassativa   
L'effetto sulla sazietà e sulla glicemia della fibra alimentare solubile   
Fibra e cancro al seno   
Crescita della flora microbica protettiva intestinale   
Fibra e cancro al colon   
Effetti negativi legati all'introduzione della fibra alimentare   
CAPITOLO 3: LA MALATTIA DIVERTICOLARE E LA FIBRA ALIMENTARE   
I PRIMI ESPERIMENTI DEL 1937   
DIVERTICOLITE, UNA PATOLOGIA DA DEFICIT ALIMENTARI   
PAINTER E IL TRATTAMENTO CON CARBOIDRATI NON TRATTATI PER LA DIVERTICOLITE IN UNO STUDIO NON CONTROLLATO   
DUE STUDI CONTROLLATI-RANDOMIZZATI CONFERMANO LE IPOTESI DI BURKITT E PAINTER   
1981 - LE PRIME CRITICHE ALLO STUDIO DI PAINTER   
1985 - LO STUDIO CASO-CONTROLLO DI DIECI ANNI   
1990: LASSATIVI E FIBRA ALIMENTARE NEL TRATTAMENTO DELLA MALATTIA DIVERTICOLARE   
L’AZIONE PREVENTIVA DELLA FIBRA INSOLUBILE   
LE LINEE GUIDA DELL’AMERICAN COLLEGE OF GASTROENTEROLOGY E DELL’EUROPEAN ASSOCIATION FOR ENDOSCOPIC SURGERY   
RISULTATI DI UNO STUDIO SU VEGETARIANI E CARNIVORI   
UNO STUDIO CONTROCORRENTE   
L’ASSUNZIONE DEI SEMI   
CONCLUSIONI   
BIBLIOGRAFIA   
BIOGRAFIE

 

CLICCA QUI E ORDINA L'E-BOOK

VirtueMart
Il carrello è vuoto.